top of page

Il Collegio dei docenti. Cos’è, perché c’è e a che serve

Chi lo forma, quali compiti ha, quali poteri, come si articola, chi lo convoca e chi ne definisce ruolo e funzione. Nel dettaglio, ogni tipo di utile informazione.

Il Collegio dei Docenti è formato dal Dirigente Scolastico e da tutti gli insegnanti, in servizio nei vari plessi dell'istituto, è l'organo responsabile dell’organizzazione didattica ed educativa dell'Istituto. Ha il compito di progettare, organizzare, verificare, controllare e valutare la vita didattica dell'Istituto. È articolato in Dipartimenti disciplinari, Commissioni o gruppi di lavoro d’Istituto e, in ogni plesso, in Consigli di Intersezione (scuola dell’Infanzia), di Interclasse (scuola primaria) e di Classe (scuola secondaria). I compiti del Collegio dei Docenti sono definiti dal decreto legislativo 297/94, ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico dell'istituto.



In particolare, cura la programmazione dell'azione educativa anche al fine di adeguare i programmi di insegnamento alle particolari esigenze del territorio.

Esso esercita tale potere nel rispetto della libertà di insegnamento garantita a ciascun docente: elabora ed approva il piano dell'offerta formativa (POF) articolato nei suoi diversi progetti individua i docenti e le commissioni di lavoro che provvedono alla realizzazione dei progetti, formula proposte per la formazione delle classi, l'assegnazione ad esse dei docenti, la formulazione dell'orario delle lezioni; delibera la suddivisione dell'anno scolastico in due o tre periodi di valutazione; valuta e verifica l'andamento complessivo dell'azione didattica proponendo misure per migliorare dell'attività scolastica. Il Collegio è convocato dal Dirigente Scolastico o, su richiesta, da 1/3 dei docenti, con almeno 5 giorni di preavviso. La convocazione scritta, indica la data della riunione, l'orario di inizio e l'O.d.G.


Tutte le delibere approvate dovranno essere rese operative in ogni plesso dai Consigli di Intersezione, di Interclasse e di Classe. In caso di urgenze improvvise il dirigente può decidere di convocare il collegio dei docenti straordinario, con un preavviso non inferiore alle 24 ore. Le proposte correlate all'ordine del giorno in quel caso saranno di tipo informativo e i docenti avranno l'opportunità di presentare tutte le proposte che riterranno necessarie durante la discussione collegiale.


Il CCNL, afferma che per i docenti la partecipazione alle attività funzionali all'insegnamento, deliberate e svolte all'interno degli organi collegiali, è obbligatoria e che un'eventuale assenza deve essere giustificata da motivazioni valide e dimostrabili, anche per le riunioni straordinarie del collegio dei docenti vale la stessa regola.

Opmerkingen


bottom of page